Pubblicizza qui




Pubblicizza qui


 
 
 
 
 
 
 
   
PEC - posta certificata
annunci - cerca
segnala sito - cerca
webmail
free internet
servizi online
le news
mailing list
CMS realizza il tuo sito
oroscopo
servizi per l'azienda

Il tuo Dominio! .
Google
Cerca in: Web wineuropa.it wmultimedia.it portaleditalia.it
 

Oroscopo per la settimana dal 01/02/2018 al 28/02/2018

Pesci:
Dal 20/02
al 20/03

Plutone, Nettuno e Giove stanno operando per una trasformazione alchemica della qualita' della vostra esistenza, e i nati di seconda decade se ne acco ...continua
 

Pubblicizza qui


CHE TEMPO FARA'?
Le previsioni del Tempo dal satellite clicca qui
VOLARE
Gli orari degli aereoporti Italiani clicca qui
NAVIGARE
Gli orari dei traghetti Italiani clicca qui
TRENI
Gli orari dei treni Italiani clicca qui
AUTOLINEEE
Gli orari degli autobus Italiani clicca qui
LE CATEGORIE DI WINEUROPA

Abbigliamento, Agenzie immobiliari, Arredamento, Ristoranti, alberghi continua

ATTUALITA'

Notizie utili, spettacoli, libri, calendari, stampa, gli uomini più belli, previsioni del tempo, news, motori e sport motoristici, viaggi, moda e modelle

STAMPA
Quotidiani Italiani
Quotidiani Esteri
Settimanali Italiani
Settimanali Esteri
Mensili Italiani
Mensili Esteri
ARGOMENTI

Affari & Finanza, astronomia, architettura, arte, ambiente, annunci, antiquariato, artigianato, archeologia, biblioteche, commercio, cultura, erotismo, enti & istituzioni, fotografia, gastronomia, geologia, informatica & elettronica, legislazione, giochi, lavoro, misteri, religione, salute, scienze, sport, trasporti, turismo, università

 
 
News di: Cronaca

Pagina precedente

- Mare di plastica, è allarme rosso Nel 2050 piu' spazzatura che pesci

ROMA ALLA FINE dello scorso settembre sul litorale di Licola, in Campania, i volontari impegnati nella pulizia della spiaggia trovarono un gran numero di oggetti decisamente insoliti: erano falli di plastica portati a mare dalla piena di un fiume, probabile rifiuto mal smaltito di un negozio di sex toys. LA NOTIZIA può far sorridere ma dà la misura di qual è il problema dell’inquinamento degli oceani. In mare finisce tutto, ma proprio tutto. E tutto si conserva, se non biodegradabile: perciò le concentrazioni di plastiche sono massicce e in costante crescita; i falli di Licola, come tutti gli altri oggetti finiti in mare, diventeranno microplastiche una volta corrosi dalle acque. A scorrere una qualsiasi raccolta di immagini sul web si resta sconvolti: spiagge in cui la sabbia è invisibile tanti sono piatti, bicchieri, sacchetti, ciabatte, oggetti vari di ogni colore portati dalle onde; isole galleggianti di plastiche agglomerate che vagano negli oceani; tartarughe soffocate dai sacchetti abbandonati; imbarcazioni che fendono specchi di mare coperti di oggetti. Si sprecano le iperboli che cercano di denunciare il problema e richiamare l’attenzione generale. OCEAN CONSERVANCY sostiene che fra otto anni ogni tre tonnellate di pesce ci sarà una tonnellata di plastica; la fondazione Ellen MacArthur prevede che nel 2050, se nulla cambia, negli oceani ci sarà più plastica che pesce; un gruppo di ricercatori ha di recente definito il Mediterraneo «una zuppa di plastica», e così via. Si stima che la densità di microplastiche oscilli fra i 25mila pezzi per chilometro quadrato nella porzione meridionale dell’Oceano pacifico ai 300mila della parte settentrionale; anche per l’Atlantico siamo nell’ordine delle centinaia di migliaia di frammenti. Il mal di plastica è un flagello col quale dovremo convivere a lungo. L’attacco agli ecosistemi e agli animali marini è un’evidenza, ma gli effetti sistemici non sono del tutto prevedibili e resta da chiarire in che modo e in che misura l’ingestione di nano e microplastiche da parte degli animali marini sia destinata a nuocere alla salute umana. INTANTO si sta cercando di correre ai ripari. Il parlamento italiano nelle settimane scorse ha deciso il divieto di produrre cotton fioc non biodegradabili e di usare microplastiche nei cosmetici; è stato anche introdotto l’obbligo di usare sacchetti compostabili (con almeno il 40% di materia prima rinnovabile) per frutta e verdura fresca, ma continua a sfuggire alla presa del legislatore la fetta più grande degli inquinanti, ossia quell’enorme insieme di imballaggi e supporti – dal packaging al sacchetto della spesa – che accompagna la vita, solitamente breve, delle merci. TUTTI concordano sulla necessità di abbattere decisamente l’uso delle plastiche e vari programmi internazionali sono in corso, ma un cambiamento radicale è difficile, perché colpirebbe interessi industriali molto forti e renderebbe evidente che il mal di plastica è figlio diretto e legittimo di un sistema di vita e di consumo che nessuno, o quasi nessuno, osa mettere in discussione. La prospettiva di un’economia e di una società che si avvicini al traguardo ‘plastica zero’ dev’essere ancora digerita. notizia tratta da La Nazione www.lanazione.it

Inserita da: wineuropa
 
 
 
 
 
 
Informativa privacy | dati fiscali
Win S.r.l. - WinEuropa Group - Un solo Partner Tutte le soluzioni
Via Senese Aretina, 226 - 52037 Sansepolcro (AR) ITALY
Tel. +39 0575 740891 - Fax  +39 0575 720080 - E-mail: webmaster@wineuropa.it
© Copyright Arch. F. Venturucci 1999 - 2007 Powered by Win S.r.l. Vietata la Riproduzione

Utenti collegati: 1692